Il BioFeedback è un metodo d'intervento psicofisiologico utilizzato nel trattamento di numerosi disturbi che si manifestano con sintomi somatici come dolori, cefalee, stati ansiosi, attacchi di panico ed altre condizioni di disagio per le quali i tradizionali strumenti farmacologici mostrano solo un'efficacia parziale e/o di breve durata o nulla.

Il Biofeedback va ad agire direttamente sulle alterazioni fisiologiche che causano i sintomi. Segue una lista sintetica dei disturbi e dei trattamenti per i quali la ricerca scientifica ha dimostrato, negli ultimi 40 anni, una comprovata efficacia clinica:

 

Disturbo/Condizione

Funzione Fisiologica soggetta al

Training di Biofeedback

Stress cronico e acuto

Variabilità Cardiaca - Temperatura

Ansia

GSR - Variabilità Cardiaca (HRV)  - Temperatura

Attacchi di Panico

Respirazione - Temperatura

Cefalea di Tipo Tensivo

Tensione Muscolare (sEMG)

Emicrania

Pressione Sanguigna Extracranica (EC-BVP)

Ipertensione

Variabilità Cardiaca (HRV)

Dolori da tensione musc.

Tensione Muscolare (sEMG)

Asma

Variabilità Cardiaca (HRV)

ADHD

Attività cerebrale (EEG/Neurofeedback)

Depressione

Attività cerebrale – (EEG/Neurofeedback)

Incontinenza Urinaria

Controllo muscolare (sEMG)

Commenti   

0 # Miki 2018-11-27 11:27
Buongiorno ho mia figlia di 18 anni che soffre di forti mal di testa ,abbiamo fatto un sacco di indagini e siamo stati da 2 neurologi il primo la voleva curare per depressione il 2 le ha diagnosticato una cefalea senz'aura,sta facendo una cura con 1 pastiglia di cleviaal mattino e 1di flunagen alla sera e per il dolore almogran ma per ora niente é cambiato si mette a dormire con il mal di testa e si sveglia con li stesso,e se fosse sbagliata la diagnosi e fosse di tipo tensiva?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Dr. Penzo 2018-11-30 23:47
Buona sera, da quello che capisco sua figlia appare esser caduta in una condizione di cronicità, la più difficile da trattare. Il suo dubbio è più che lecito visto che molto spesso l'emicrania si accompagna ad una componente tensiva. Ad ogni modo esistono protocolli di biofeedback e/o neurofeedback molto efficaci nel trattamento sia dell'emicrania che della cefalea tensiva. Dovremmo però farle una valutazione approfondita.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione

Aggiungi commento

Al posto del nome inserire uno pseudonimo per la protezione della tua privacy. Scrivendo il tuo commento dichiari di accettare i Termini e le Condizioni per l'uso di questo servizio.

Compilare il campo "Nome" con uno pseudonimo e non con il tuo vero nome e cognome.


Codice di sicurezza
Aggiorna