Trattamento Multicomponenziale incentrato sul Biofeedback per l'Ansia e gli Attacchi di Panico


Il Trattamento di Biofeedback Multicomponenziale per l'ansia e gli attacchi di panico da noi adottato prevede un unico ciclo di 8-10 sedute e consiste nello svolgimento delle seguenti attività (più le attività "accessorie" descritte nel paragrafo successivo):

  1. Psicodiagnosi e valutazione psico-fisiologica (stress profile); in questa fase si individuano i sistemi fisiologici la cui alterazione causa i sintomi dell'ansia; si individua quindi il protocollo d'intervento più appropriato per correggere permanentemente tali alterazioni fisiologiche.
  2. Biofeedback Training: è l'elemento centrale del nostro trattamento. Grazie all'utilizzo di una particolare strumentazione, le funzioni fisiologiche alterate (attività cardiaca, heart rate variability, respirazione, temperatura, conduttanza cutanea, tensione muscolare, ecc.) vengono quantificate e visualizzate direttamente su un grande monitor. Attraverso l'uso di specifiche tecniche l'individuo utilizza questo feedback per imparare a riconoscere e a controllare le stesse funzioni fisiologiche alterate (e monitorate), riuscendo in tal modo a gestire, ridurre ed eliminare l'ansia in modo del tutto autonomo, ciò che potenzia il senso di autoefficacia, un fattore quest'ultimo di grande impatto psicologico.
  3. Neurofeedback: il Neurofeedback è un tipo di Biofeedback detto anche EEG-Biofeedback che può essere svolto nei casi indicati al posto di altri protocolli di Biofeedback. L’attività cerebrale produce variazioni di potenziale elettrico rilevabili nella forma di onde EEG (elettroencefalografiche) gammabetaalfathetadelta; l'ansia e gli stati d'attivazione psicofisiologica eccessivi (ad es. dovuti allo stress)  sono legati ad alterazioni specifiche di queste alcune di queste componenti EEG; il Neurofeedback è una tecnica sicura supportata da un'ampia base scientifica mediante la quale l'individuo impara a controllare volontariamente l'attività elettrica del proprio cervello e a normalizzare quindi le alterazioni EEG legate allo stato d'ansia. Spesso ad esempio l'ansia è legata ad un eccesso di attività EEG di tipo beta; col Neurofeedback l'individuo impara a ridurre l'attività Beta e con essa lo stato ansioso.
  4. Tecniche avanzate di contentrazione biofeedback guidate –  Uno dei problemi principali degli stati ansiosi e dell'Attacco di Panico è la perdita del controllo di se, del flusso dei propri pensieri, e l'errata convinzione di non poter aver nessun controllo su di essi, specie durante un attacco d'ansia o di panico. Tramite specifiche tecniche e mediante l’utilizzo di un segnale di feedback (biofeedback) che informa l’individuo in tempo reale sul suo stato di attivazione psicofisiologica (ansia), l'individuo non solo diviene consapevole del potere dei suoi singoli pensieri sul suo stato di attivazione psicofisiologica (rilevata in modo preciso dai sensori del biofeedback), ma, attimo dopo attimo, impara, sotto i suggerimenti dello psicologo, a controllare il proprio flusso di pensiero in modo da mantenere livelli d'attivazione psicofisiologica ottimali anche nelle situazioni ansiogene o di panico. In questo modo l’individuo impara a controllare/contenere il flusso di pensieri che altrimenti, nei primissimi stadi dello sviluppo di un attacco di panico, si propagherebbero tramite associazioni incontrollate verso rappresentazioni mentali negative/ansiogene che aumentano lo stato d'ansia che aumentano l'attivazione di altri pensieri ansiogeni in un circolo vizioso che determina una rapida escalation verso livelli d'ansia sempre più elevati, sino all'attacco di panico.

Attività "Accessorie"


Il nostro metodo integrato per il trattamento dell'ansia patologica prevede sempre lo svolgimento di alcune attività che noi definiamo "accessorie" ma che in realtà potenziano e velocizzano fortemente gli effetti a breve e, soprattutto, a lungo termine del trattamento di Biofeedback:

  1. Igiene del sonno: dopo una valutazione sulla qualità del sonno tramite strumenti idonei vengono fornite le indicazioni necessarie a ripristinare una soddisfacente qualità del sonno, ciò che è indispensabile per il raggiungimento di una qualità della vita soddisfacente. Nel caso dei disturbi legati ad alterazioni del ritmo circadiano del sonno, si interviene con strategie mirate.
  2. Colloqui psicoeducativi e preventivi:   conoscere l'ansia, ovvero i meccanismi psicologici e fisiologici che la sottendono e i fattori psicologici e ambientali che possono facilitarla, costituisce il primo passo per poterla controllare e sconfiggere. L'intervento psicoeducativo è finalizzato da una parte ad aumentare la consapevolezza dell'individuo e il suo senso di autoefficacia, ossia la consapevolezza che l'ansia non è un "nemico" misterioso e "incontrollabile" ma che, al contrario, può essere gestita, ridotta e ricondotta alla sua funzione originaria adattiva, dall'altra ad estendere quel che via via si apprende durante il training alla vita reale di tutti i giorni, individuando le strategie più appropriate per affrontare e sconfiggere l'ansia e gli Attacchi di Panico "sul campo".
  3. Rilassamento Progressivo: ad ogni seduta viene fornito un CD-audio con le istruzioni da seguire a casa (o al lavoro, in auto, ecc.) per l'esecuzione delle 8 fasi del Rilassamento Progressivouna tecnica di rilassamento che, come dimostrato da recenti studi, potenzia/velocizza gli effetti del Biofeedback.
  4. Brain Wave Entrainment (BWE):  come già detto l’attività cerebrale produce variazioni di potenziale elettrico rilevabili nella forma di onde EEG (elettroencefalografiche) gamma, beta, alfa, theta, delta; l'ansia e gli stati d'attivazione psicofisiologica eccessivi (ad es. dovuti allo stress)  sono legati ad alterazioni specifiche di queste componenti EEG; in casi specifici un uso controllato della BWE, nel contesto specifico del biofeedback/neurofeedback, contribuisce a normalizzare l'attività EEG alterata, potenziando gli effetti del trattamento integrato. Questa attività viene svolta facoltativamente solo in casi particolari.

 Quanto dura il trattamento?


Solitamente il trattamento integrato di Biofeedback per l'Ansia e gli Attacchi di Panico richiede un unico ciclo di 8-10 sedute, con cadenza settimanale. La prima seduta, durante la quale si effettua lo Stress Profile (o Profilo Psicofisiologico), ha una durata di 90-120 minuti; le sedute successive durano circa 30 minuti

Occorre solo un ciclo di sedute e, una volta completato, non occorre ripetere il trattamento. 

  


Quanto costa il trattamento di Biofeedback integrato?


L'intero trattamento ha un costo contenuto consistendo in un unico ciclo di 8-10 sedute senza la necessità di ricorrere a cicli successivi o periodici.

Il Biofeedback è una prestazione sanitaria detraibile e la tariffa di una seduta è pari a 70 euro

La prima seduta comporta un'accurata analisi della condizione ansiosa e la valutazione psicofisiologica o stress profile (con la nostra strumentazione), ha un costo di 90 euro e una durata di circa 90-120 minuti.

Lo stress profile e le altre attività di valutazione sono indispensabili per poter definire i protocolli di biofeedback più adeguati alla specifica situazione e per definire il modus operandi relativo alle attività "accessorie".


 Il Biofeedback ha effetti collaterali? E' un metodo naturale?


Il Biofeedback è un metodo d'intervento naturale per eccellenza: esso infatti non comporta l'assunzione di sostanze di alcun genere ("naturali" o farmacologiche) e si basa sui meccanismi neurobiologici naturali dell'apprendimento. Il biofeedback è una forma di allenamento (un training) guidato da tecnologie sofisticate e tecniche mirate.

Il biofeedback è un metodo d’intervento sicuro, non-farmacologico, non-invasivo, indolore e privo di effetti collaterali, ad eccezione della possibile irritazione cutanea negli individui allergici al cerotto adesivo di alcuni sensori, fenomeno che si può evitare con le opportune misure.

Nei protocolli di training respiratorio e di rilassamento gli individui predisposti possono inoltre sperimentare una sensazione di "testa leggera" conseguente all'attività respiratoria. Tali fenomeni sono reversibili e possono essere ridotti o evitati con le opportune precauzioni.


  E' una cura a lungo termine?


L'obiettivo finale del trattamento non è solo quello di ridurre i sintomi dell'ansia nel breve termine, ma quello di ottenere risultati permanenti. Il trattamento è multicomponenziale proprio per questa ragione: le varie componenti del trattamento infatti sono finalizzate ad aiutare il paziente ad acquisire non solo le tecniche per gestire l'aspetto fisiologico e cognitivo dell'ansia, ma anche a costruire una salda consapevolezza di se, delle sue reali potenzialità, del modo in cui migliorare tali potenzialità ed anche del proprio senso di autoefficacia (la consapevolezza di essere in grado di ridurre/eliminare l'ansia con le prorpie risorse), tutti fattori che, assieme all'uso delle strategie apprese, contribuiscono ad un effetto reale e permanente del trattamento.


 Curiosità e approfondimenti



 Contatti e indirizzi


I trattamenti di Biofeedback e quelli integrati sono svolti dalla équipe formata dal Dr. Alessio Penzo e dalla Dr.ssa Loredana Scalini presso lo studio situato in Via Giovanni Guareschi 123, 00143 - Roma (EUR-Laurentina).

E' possibile prendere un appuntamento, in base alle disponibilità, dal Lunedì al Sabato. 



Come raggiungerci


Indirizzo: Via Giovanni Guareschi 123 - Roma (EUR-Laurentina)

Con i mezzi pubblici: Fermata Metro B Laurentina + Autobus 776 oppure Fermata Metro B Fermi + Autobus 779

In Automobile: clicca sulla mappa. 

/

 

Aggiungi commento

Scrivendo il tuo commento dichiari di accettare i Termini e le Condizioni per l'uso di questo servizio.

Se non sei registrato su questo sito devi compilare i campi richiesti. Se sei registrato effettua il login e posta direttamente il tuo commento.


Codice di sicurezza
Aggiorna