EFFICACIA DEL BIOFEEDBACK NEL TRATTAMENTO DELL'ASMA 


 

 

 

Molte persone affette da asma hanno un modello insolito di respirazione: cioè prendono un respiro profondo e poi inspirano ed espirano con respiri molto superficiali e rapidi piuttosto che espirare  fino in fondo. Questo impedisce loro essere in grado di fare respiri sufficientemente profondi  e li lascia cronicamente a corto di fiato.

 


  In che modo il Biofeedback può aiutare le persone che hanno l’Asma? 


 

 

Il Biofeedback può addestrare gli asmatici a non respirare in quel modo e ciò è considerato da molti essenziale per ridurre l’asma. Il Biofeedback della respirazione  è perfetto per il rilevamento e la correzione di questo modello. Inoltre gli asmatici possono essere addestrati a riconoscere e correggere le interazioni anomale tra la variabilità della frequenza cardiaca e la respirazione. E’ stato dimostrato che la correzione di questo rapporto anormale riduce i sintomi di asma.

In uno studio controllato relativamente grande, Lehrer et al (2004) hanno dimostrato che il biofeedback può avere un impatto molto significativo sulla severità dei sintomi correlati all’asma. Inoltre anche piccoli studi clinici hanno mostrato gli effetti positivi del biofeedback su questo problema. 

 


 Studi a sostegno dell’Efficacia del Biofeedback per L’Asma 


 

 

Lehrer et al (2004) hanno recentemente condotto uno studio controllato con 94 asmatici, addestrati con Biofeedback (gruppo sperimentale) o non addestrati se erano nel gruppo di controllo, utilizzando il biofeedback della variabilità cardiaca con ottimi risultati. Altri studi hanno trovato segni di riduzione dell'infiammazione dei polmoni e ridotta impedenza respiratoria coincidenti con la riduzione dei sintomi (Kern-Buell, Lehrer et al, 1997;. Lehrer, McGrady, Conran, e Nelson, 2000, Lehrer, Smetankin, e Potapova, 2000).

Bibliografia

Kern-Buell, C.L., McGrady, A.V., Conran, P.B., & Nelson, L.A. (2000). Asthma severity, psychophysiological indicators of arousal, and immune function in asthma patients undergoing biofeedback-assisted relaxation. Applied Psychophysiology and Biofeedback, 25(2), 79-91.

Lehrer, P., Carr, R.E., Smetankine, A., Vaschillo, E., Peper, E., Porges, S., et al. (1997). Respiratory sinus arrhythmia versus neck/trapezius EMG and incentive inspirometry biofeedback for asthma: A pilot study. Applied Psychophysiology and Biofeedback, 22(2), 95-109.

Lehrer, P., Smetankin, A., & Potapova, T. (2000). Respiratory sinus arrhythmia biofeedback therapy for asthma: A report of 20 unmedicated pediatric cases using the Smetankin method Applied Psychophysiology and Biofeedback, 25(3), 193-200. Lehrer et al 2004.

Carolyn Yucha and Christopher Gilbert's 2004 book "Evidence Based Practice in Biofeedback Neurofeedback" AAPB, Wheat Ridge, CO.

Aggiungi commento

Scrivendo il tuo commento dichiari di accettare i Termini e le Condizioni per l'uso di questo servizio.

Se non sei registrato su questo sito devi compilare i campi richiesti. Se sei registrato effettua il login e posta direttamente il tuo commento.


Codice di sicurezza
Aggiorna