Cos'è il Biofeedback?


Il Biofeedback è un metodo d'intervento Psicofisiologico nato in seno alla Psicofisiologia, una branca della Psicologia Sperimentale che studia, da oltre mezzo secolo, le basi neurofisiologiche della psiche umana (e animale), ossia le relazioni tra la psiche (pensiero, cognizione, emozioni, comportamenti, ecc.), cervello e corpo.

 Il Biofeedback è un training, un allenamento guidato mediante il quale l'individuo, grazie all'uso di tecnologie sofisticate, apprende a controllare rapidamente e autonomamente le funzioni fisiologiche alterate che sono all'origine della condizione patologica (es. ansia, stress, insonnia, depressione, cefalea tensiva, emicrania, ipertensione, lombalgie, disturbi gastro-intestinali, fibromialgia, ecc.)  sfruttando i propri meccanismi psicobiologici naturali.

Una volta apprese le abilità vengono mantenute per sempre e utilizzate in modo consapevole e automatico.


Competenze del Biofeedback Trainer (o Therapist). Come scegliere.


In virtù della sua natura a cavallo tra lo psichico e il somatico è indispensabile verificare che il biofeedback trainer abbia una formazione che gli/le abbia consentito di acquisire le indispensabili conoscenze, competenze ed esperienza nel settore specifico della psicologia (ad es. disturbi d'ansia, depressione, gestione dello stress, psicosomatica, ecc.) e in specifiche discipline psico-biologiche.

E' dunque fortemente consigliato intraprendere questo trattamento con Psicologi che abbiano una formazione ed esperienza nelle seguenti discipline scientifiche:

 

  • Psicologia Sperimentale e Clinica
  • Psicofisiologia
  • Neuropsicologia
  • Psicologia Fisiologica
  • Psicofarmacologia 

 

 

Il BioFeedback si è dimostrato efficace nel trattamento di numerosi disturbi psicosomatici altrimenti non trattabili con i tradizionali strumenti d’intervento farmacologici e non farmacologici. La sintomatologia ed eziologia di tali disturbi sono attribuibili ad alterazioni fisiologiche causate da fattori psicologici, situazionali e/o comportamentali.

Nella tabella sottostante sono elencati alcuni dei disturbi e condizioni per le quali il Biofeedback è utilizzato con successo:

 

Stress cronico e acuto

Ansia

Attacchi di Panico

Depressione

Cefalea di Tipo Tensivo

Emicrania

Ipertensione

Dolori da tensione musc.

Insonnia

Asma

ADHD

Disturbi Psicosomatici

Il Biofeedback è un metodo d'intervento psicofisiologico supportato da una vasta letteratura scientifica e da una lunga esperienza clinica internazionale. Per i riferimenti scientifici sull'efficacia del biofeedback consultare l'ampia bibliografia pubblicata in questo sito.  

Come funziona il Biofeedback?

 

Commenti   

0 # Giulia N. 2016-06-05 15:37
Salve, ho letto che il Biofeedback è indicato per la fibromialgia. Me lo confermate? In tal caso come funziona?
Grazie.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Dr. Alessio Penzo 2016-09-07 23:34
Buona sera,

l'efficacia del biofeedback nel trattamento della fibromialgia è stata dimostrata da numerosi studi. Il preciso protocollo dipende dalla sintomatologia e dalla eventuale (frequente) co-presenza di altri disturbi o stati di malessere che spesso sono associati alla fibromialgia e che rientrano in quella categoria di disturbi oggi definita “central sensitivity syndrome” (CSS) o sindromi da sensibilità centrale, che comprendono l'ansia, la cefalea tensiva, la sindrome da intestino irritabile, ecc.

Il protocollo da seguire dipende dunque da vari fattori che è necessario considerare di vota in volta.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione

Aggiungi commento

Scrivendo il tuo commento dichiari di accettare i Termini e le Condizioni per l'uso di questo servizio.

Se non sei registrato su questo sito devi compilare i campi richiesti. Se sei registrato effettua il login e posta direttamente il tuo commento.


Codice di sicurezza
Aggiorna